Chiudi video
close adblock

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

News
204950681-2cf90e35-fa65-445d-aa53-5692159f76fb

Piazza Cordusio guarda avanti e un po’ torna indietro.

La notizia è il via libera, dopo due anni, al progetto – coordinato dagli studi Freyrie Flores architettura e Mic (Mobility in chain), e approvato dalla Soprintendenza guidata da Antonella Ranaldi – per il restyling di uno degli snodi più importanti della città, zona Cordusio appunto, con un progetto da 8 milioni di euro che si smezzano fifty fifty il Comune e gli operatori immobiliari che hanno siglato l’accordo (Generali Re, Hines, Savills e Dea Capital per Fosun).

Il nuovo piano guarda avanti, dicevamo, perché in sintonia con le linee guida della ridefinizione degli spazi che sta portando avanti Palazzo Marino: più aree pedonali, più spazi ariosi, sarà risistemata la pavimentazione storica e ci sarà ancora più effetto green, dato che verranno aggiunti filari di alberi in vaso.  

Il nuovo progetto è anche un ritorno alle origini, però, perché alla base del piano c’è il ripristino dell’antica ellisse: il tratto finale di via Dante verrà chiuso alle auto private (da via Meravigli si proseguirà solo in tram o taxi) mentre in via Orefici saranno allargati i marciapiedi, con le rotaie del tram al centro, e saranno inoltre eliminati i dislivelli e il flusso dei tram diventerà lineare, con prosecuzione a binario unico in via Tommaso Grossi.

Inoltre verranno valorizzate la statua bronzea del Parini e quella di Carlo Cattaneo in largo Santa Margherita; e di fianco a quest’ultima sarà piantato un albero della Liberta.

Timing previsto dell’operazione: partenza in estate 2020, fine lavori in autunno 2021.

Tra l’altro sul marciapiede di Via Tommaso Grossi sarà incisa una citazione: “Ma il pregio del suo Paese natio, l’onore della sua dolce Milano, andava innanzi a ogni cosa”.

Taaac


Il Milanese Imbruttito