Chiudi video
close adblock

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

cover_fb-iloveimg-resized

Imbruttiti drizzate le antennine, ci sono news per voi: da oggi fino a domenica 18 marzo Milano si trasforma nella capitale mondiale dell’innovazione e del digitale.

La Digital Week, promossa dal Comune, si articola in oltre 400 eventi in giro per la città: dall’arte all’educazione, passando per mobilità, business, sanità e comunicazione, il focus sarà la produzione e la diffusione di conoscenza e innovazione attraverso il digitale.

Gli eventi sono moltissimi, qui potete trovare l’elenco completo.

Il quartier generale è il BASE di Milano in Via Bergognone, che ospiterà alcuni appuntamenti cardine, ma saranno diverse le zone della città coinvolte.

Tra gli eventi più interessanti vi consigliamo di schedulare il palinsesto del Samsung District, dove venerdì, alle 17, si terrà l’incontro “L’evoluzione di Instagram e la smartphone photography” con la Presidente di Igers Italia Ilaria Barbotti, evento che culminerà con un workshop dedicato alle modalità di scatto con il Samsung Galaxy S9. Insomma, appuntamento imperdibile per gli smanettoni dello smartphone e i maniaci delle stories. Sabato, invece, giornata dedicata ai matusa, con l’appuntamento alle ore14:30 dal titolo “Genitori e figli: con il digitale sono TTF (Totalmente Tagliati Fuori)”. 

Da non perdere anche Doc 360°, rassegna cinematografica dedicata ai documentari, presentata al Base nell’ambito di Ultrareal World – La prima sala di cinema 360° d’Italia, in cui gli spettatori potranno calarsi nei paesaggi ripresi, dentro le inchieste, o nel cuore della vita dei protagonisti dei film. In proiezione ci saranno proprio le migliori opere del genere documentario girate con la tecnologia 360.

Curiosa anche l’opera d’arte dell’artista Mario Premoli che parte da una semplice domanda: quanto tempo può servire per leggere una frase semplice come “Il bello è la luce del vero”? Risposta: “8mila bilioni di anni”. ESTICAZZI. Per la precisione 8.325.708.555.438 anni, secondo l’artista e designer milanese che ha premuto oggi il tasto Invio sulla tastiera del Pc, dando vita a un’azione permanente e in continuo divenire in Rete.

Sono esattamente 437.599.241.673.834.240.000 gli anagrammi possibili della frase di Sant’Agostino. L’algoritmo scritto da Premoli in linguaggio Php, ne elabora 10 diversi ogni 6 secondi. Da qui, ecco calcolato il tempo necessario per leggerli tutti a partire dal 15 marzo. Tempo ne avete?

Con un evento d’inaugurazione del genere, le aspettative non possono che essere altissime. Forse anche troppo.


Tag:

Views: 1


Il Milanese Imbruttito