Chiudi video
close adblock

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

News
shutterstock_1139742560

Lo scorso 15 Luglio la società che amministra e gestisce il trasporto pubblico di Milano, l’Atm, ha introdotto un nuovo sistema tariffario integrato. Lo sappiamo bene.

Nuovi costi per biglietti e abbonamenti che, com’era prevedibile, hanno portato a nuove scelte tutti i pendolari della città.

Stando a quanto dicono i rapporti sulla vendita dei servizi Atm, da luglio a oggi c’è stato un vero e proprio boom degli abbonamenti annuali, gli unici il cui prezzo è rimasto invariato. Si parla di un aumento di circa il 40% in soli tre mesi, per un totale di 139mila abbonamenti venduti, contro i 99mila dello scorso anno nello stesso periodo.

Buone notizie anche per gli abbonamenti mensili, che hanno subìto un aumento del 2.6%.

In questi 3 mesi sono stati ben 213.000 i biglietti trigiornalieri venduti, la vera e propria novità del nuovo sistema tariffario. Ottima anche la risposta dei cittadini all’abbonamento con uno sconto del 85% per le persone che hanno un Isee inferiore ai 6mila euro, con più di 21mila domande presentate. Ricordiamo che a partire dal mese di ottobre, per richiedere gli abbonamenti agevolati per il reddito, è necessario recarsi ai Caf. Per quelli senior o under 30, invece, restano ancora validi gli Atm Point.

Grande successo pure per gli abbonamenti senior over 65 o over 60 se residenti a Milano, con più di 150mila titoli venduti tra mensili e annuali.

Vi ricordiamo infine che i vecchi biglietti Atm potranno essere utilizzati entro e non oltre il 30 Novembre 2019 e non più entro il 12 Ottobre 2019 come annunciato in un primo momento.

Articolo scritto da Francesca Solazzo


Il Milanese Imbruttito