Chiudi video
close adblock Il Milanese Imbruttito

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock Il Milanese Imbruttito

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

News Food&drink
bella-dentro-melanzane-768x575-1

Brutta ma buona: così potrà ben definirsi la frutta e la verdura in vendita nella nuova bottega antispreco che sta per aprire i suoi battenti in via Pergolesi – zona stazione centrale – a Milano.

Una frutteria? Ma le botteghe alimentari non erano… alla frutta? Non tutte, soprattutto non questa che è molto più di un semplice ortolano old-style, è un progetto ambizioso e innovativo che mira a combattere gli sprechi ortofrutticoli, dando valore a quella frutta e verdura buona ma bella solo dentro e, per questo, sistematicamente scartata durante i processi di distribuzione e commercializzazione dei prodotti.

Bella Dentro, non a caso, oltre a essere il nome della novella bottega, è anche quello del progetto nato 3 anni fa grazie alla volontà di due trentenni milanesi, Luca Bolognesi e Camilla Archi. Nel 2018, dopo essersi imbattuti in un articolo di National Geographic che illustrava le dimensioni e l’impatto socio-economico dello spreco produttivo nel comparto agroalimentare, mollano una sudata e avviata carriera professionale per dedicarsi a una nuova e nobile missione: combattere gli sprechi basati su canoni puramente estetici e non qualitativi, che creano un danno enorme agli agricoltori, all’ambiente e all’economia del Paese.

“La sfida è quella di dare nuova dignità a quei prodotti ingiustamente definiti scarto perché esteticamente brutti (ma belli dentro!) creando una filiera distributiva alternativa a quella esistente – spiegano Luca e Camilla sulla loro pagina web – un circolo virtuoso, capace di mettere in connessione i consumatori e i produttori, permettendo ai primi di fare un acquisto di buon senso e conveniente, e ai secondi di ottenere il giusto compenso anche per quella parte di produzione che prima non gli veniva valorizzata.” Prodotti buoni ma imperfetti, per difetti del tutto inevitabili e naturali nella vita di una pianta, che comportano uno scarto fisso di circa il 20% della produzione totale (e si arriva fino al 50-60% nel caso di grandine).

All’inizio Bella Dentro si preoccupa di acquistare questi prodotti, e raccontarli ai consumatori, per aiutarli a comprendere fuor di pregiudizio, oltre le apparenze. Camilla ha un passato nel marketing e questo le ha suggerito di affidare la comunicazione del progetto a una variopinta ape (quella su due ruote) che gira per le strade di Milano per far conoscere la loro startup tutta agroalimentare. “Non sapevamo quale sarebbe stata l’accoglienza – dice – avevamo bisogno di un test per comprendere se le persone avessero davvero voglia di comprare i nostri prodotti brutti, oltre a innamorarsi del progetto. E la risposta, fortunatamente, è stata positiva”.

Il salto, quello importante, arriva l’anno scorso con l’ingresso in società della Fondazione Social Veture Giordano dell’Amore, che consente all’ape di spegnere il suo motore e trovare una dimora stabile a Bella Dentro. Dopo tanto sbatti in giro arriva il momento dell’apertura di un punto vendita in città – prevista per la fine di ottobre – in attesa di trovare anche uno spazio con cucina per la somministrazione dei prodotti al tavolo. Ma parte anche l’avvio di una linea di trasformazione di frutta e verdura, per produrre confetture, succhi e prodotti essiccati. L’idea, che è il fiore all’occhiello di Bella Dentro, punta alla proposta di prodotti essiccati pronti da mangiare, imbustati in packaging riciclabile, sotto forma di snack: non solo frutta ma anche pomodori, zucchine, cetrioli, zucca, melanzane, finocchi, con un look del tutto differente da quelli comunemente disponibili nella grande distribuzione.

Questa bella storia di intraprendenza e lotta agli sprechi ha anche un valore sociale che trova la sua realizzazione concreta nell’incontro con L’Officina, una cooperativa sociale di Codogno che forma e impiega persone affette da autismo: “Eravamo pronti a gennaio, il negozio avrebbe aperto in aprile. Poi la pandemia ci ha temporaneamente fermato, ma non abbiamo perso l’energia  – raccontano i ragazzi – avevamo già un laboratorio di trasformazione, noi abbiamo investito sulla formazione tecnica dei ragazzi e sull’acquisto di nuovi macchinari”.

Insomma, tutto è pronto e questi ragazzi hanno dato il via a un’avventura che apprezziamo davvero tanto. Non resta che augurargli un grosso in bocca la lupo, specialmente in questo momento, ché ce n’è davvero bisogno!

Articolo scritto da MariaTeresa Falqui


Vai all'articolo precedenteIndietro
Il Milanese Imbruttito