Chiudi video
close adblock Il Milanese Imbruttito

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock Il Milanese Imbruttito

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

News
wedding-planner

Ta da da dan. Sì, è la marcia nuziale e dati alla mano, solo nei primi 8 mesi del 2017, ben 1.631 piccioncini – tra unioni civili (1304) e religiose (327) – sono convolati a nozze in quel di Milano. A pronunciare il fatidico sì, mandando in panico amici e parenti con le partecipazioni, sono per lo più over 40 che hanno deciso di mettere a posto, nero su bianco, testa e bilancio.

Ecco quindi che, forte dei numeri, entra in gioco il Comune con SposaMI: un’iniziativa sperimentale di wedding planner ed eventi creata ad hoc per tutte quelle coppie che, accantonata la romantica Venezia, la saletta della parrocchia e gli strip tease del Boss delle Cerimonie, optano per la città della Madonnina e una cerimonia di qualità e solidale. Per il momento, solo le coppie che hanno deciso di festeggiare all’interno delle sale messe a disposizione nella location di Villa Scheibler – Quarto Oggiaro – hanno potuto testare il servizio.

Parlavamo di solidarietà, infatti SposaMI mette al lavoro chi, nel lavoro, fa fatica ad inserirsi ma ha tanto da donare. Tutto grazie alla collaborazione fra l’Assessorato alla Politiche per il lavoro e le cooperative Via Libera e Alice: la prima, propone i menù realizzati anche con il contributo di ragazzi con disabilità che si occupano del servizio ai tavoli; la seconda, invece, con il marchio Sartoria San Vittore e il progetto Se scappi ti sposo, propone abiti da sposa e bomboniere di materiali pregiati, realizzati dalle detenute nei laboratori interni delle carceri di Bollate, Monza e San Vittore.

Nel giro di un anno, grazie ad appositi bandi, il Comune ha l’obiettivo di estendere e ampliare il progetto, coprendo in toto tutti gli ambiti e i servizi necessari alla realizzazione e organizzazione di un matrimonio con i controbip. Negli spazi comunali del 38 di Via Pepe, è stata inoltre allestita una wedding room che, mimando una sala ricevimenti, permetterà ai novelli sposi di farsi un’idea su chi-cosa e perché no… Anticipare le nozze!

Credit immagine copertina


Vai all'articolo precedenteIndietro
Il Milanese Imbruttito