Chiudi video
close adblock Il Milanese Imbruttito

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock Il Milanese Imbruttito

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

Lifestyle
glee-cry

Quando lo sclero post mortem – aka esame – attorciglia palle e stomaco e sale la fase piantini, bisogna correre ai ripari. O correre in bagno con un fazzollo a portata di mano. Se siete alla ricerca di un po’ di privacy, è il posto perfetto perché si sa, ne ha viste di ogni.

Le contrazioni facciali da peperonata notturna non digerita e il passo da maratoneta non ingannano nessuno: è l’università che vi sta facendo piangere come una mammoletta.

Se però desiderate ancora più privacy, sappiate che Nemo Miller – una studentessa d’arte americana – ha inventato il posto perfetto per sfogarsi: il Cry Closet.

Altro che Valle di lacrime. Qui parliamo di un vero e proprio armadietto delle lacrime in cui chiudersi dentro e piangere, insultare e scrivere sul Death Note i nomi dei professori stronzi. Per 10 minuti buoni hai diritto a spernacchiare con il naso lontano da tutto e tutti. Per il resto, c’è casa tua. Mica ci puoi mettere le tende!

Situato all’interno dell’University of Utah, questo armadietto da 180kg è una stanza morbidosa piena di peluche con regole ben precise: bussare prima di entrare; tempo massimo di permanenza e pure un hashtag da utilizzare per taggarcisi dentro.

Tra chi ne è entusiasta e chi pensa alle sveltine con la compagna prosperosa, c’è di mezzo il mare… di lacrime!


Vai all'articolo precedenteIndietro
Il Milanese Imbruttito