Chiudi video
close adblock

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

News
filobus1

Sull’onda del total green che, per fortuna, sembra piacere a tutti, arrivano a Milano 30 nuovi filobus da 18 metri a tutta tecnologia che renderanno fresh la flotta ATM.

La carica dei trenta si va a inserire in quello che è il primo contratto applicativo, parte di un più ampio accordo, che comprende la realizzazione di 80 filobus – del valore complessivo di 61,5 milioni di euro – da parte della polacca Solaris Bus & Coach SA che si è aggiudicata la vittoria di una gara pubblica.

Il primo è stato consegnato al deposito Atm di Viale Molise ed entrerà in servizio, dopo i collaudi, a luglio sulla linea 90/91. Successivamente, a ondate di tre al mese, arriveranno tutti gli altri. I nuovi mezzi, infatti, andranno a rimpiazzare i filobus datati delle linee 90, 91 e 92.

Ma entriamo nel dettaglio, perché è qui che si fa la differenza. Le richieste dei clienti sono state ascoltate e recepite: a bordo arrivano 8 postazioni USB che salveranno la vita a molti di noi con la maledizione del 2%.

Sparisce il motore endotermico per far posto alla batteria che garantirà autonomia di percorrenza grazie alla tecnologia IMC (InMotion-Charging). Non solo. Queste nuove vetture saranno in grado di recuperare l’energia in frenata consentendo un risparmio energetico pari al 15-20% rispetto ai vecchi filobus, che potrà così essere riutilizzata per migliorare l’esperienza a bordo.

Il pianale è ribassato in modo da non sembrare di scalare l’Everest. I posti pensati sono 135: 31 a sedere, 2 postazioni per le carrozzine e 4 sedute prioritarie. I sedili dedicati saranno azzurri, a scanso di equivoci per i menefreghisti. Anche l’illuminazione è top e si compone di luci full led sulle soglie di entrata, di uscita e sui cartelli che a bordo indicano le fermate.

E a sicurezza? Sono belli ferrati anche sotto questo aspetto. Saranno dotati di un circuito di videosorveglianza in collegamento diretto con la sala operativa Atm e una cabina di guida anti-aggressione.

Oggi, conteggiando treni, tram e filobus, si arriva a una quota di percorrenza svolta dai mezzi elettrici pari al 70%. Questo non solo è un ottimo traguardo a livello nazionale – essendo la miglior performance d’Italia – ma è in linea con gli altri esempi mondiali.

I nuovi filobus sono un altro passo importante del piano Full Electric di ATM che si propone di tagliar fuori i motori inquinanti, convertendo a elettrici tutti i mezzi della sua flotta.

Credit immagini


Il Milanese Imbruttito