Chiudi video
close adblock

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

News
taxi

Se il bicchiere vi sembra mezzo vuoto – e di vino non ce n’è mai stata l’ombra – sappiate che è in arrivo un mini aumento che interesserà le tariffe dei taxi, famose a Milano per non essere particolarmente abbordabili e convenienti.

Dal 1° luglio si aggiungono +10 centesimi al prezzo della bandiera, ovvero il costo di partenza del tassametro di notte e nei festivi, che partirà da 5,70 euro. Il costo al chilometro si porta a casa 2 centesimi in più. Anche le tratte a prezzo fisso subiscono un ritocchino di 5 euro: Linate-Malpensa 110 euro, Malpensa-Fiera 70 euro e Malpensa-Varese 70 euro.

La paletta alzata sul tema aumenti arriva dalla regione Lombardia dopo l’esito del test mistery client. Si tratta di finti clienti – inviati dal Pirellone – con il compito di analizzare il servizio offerto dai tassisti, secondo 4 parametri: presenza e/o assenza del pagamento elettronico, percorso corretto, tariffa corretta, qualità del veicolo.

Per coloro che snobbano i contanti, sappiate che l’83% dei tassisti usa il Pos (l’anno scorso era solo il 78%)! Meno interessante per noi, ma molto per la nostra salute: l’83% delle auto è ecologica. La pillola va giù definitivamente con questa notizia: il 98% dei guidatori applica percorso e tariffa corretta.

Con il conto che presentano, ci mancherebbe!

Credit immagine copertina, Credit immagine


Il Milanese Imbruttito