Chiudi video
close adblock

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

News
5172602_1734_chiaranasti_asino

La quarantena non fa bene, c’è poco da dire. Non uscire, non vedere amici e parenti, non vivere la nostra quotidianità ma rimanere nel limbo di un’emergenza mai vista prima. Normale che ci sia chi svariona, no? Chissà se dipenderà dalla clausura forzata l’infelice frase che Chiara Nasti, nota al mondo social perché su Instagram vanta 1,7 milioni di follower, ha recentemente pubblicato sul suo profilo. La 22enne, che nel ricco curriculum vanta persino un’apparizione lampo all’Isola dei Famosi, in questi giorni ha postato una foto che la ritrae a bordo di un’auto parecchio lussuosa. E fin qui, solita ostentazione vista e stravista. Ma a scatenare la polemica è stata la frase che la Nasti ha scritto a corredo dello scatto.

“Ogni donna dovrebbe avere quattro animali nella sua vita. Un visone nell’armadio, una Jaguar in garage, una tigre nel letto e un asino che paghi per ogni cosa”. A essere taggato in qualità di asino è il padre, Enzo Nasti, che probabilmente le ha regalato la macchina. Che dire, una riflessione elegantissima, molto raffinata, che probabilmente ha causato la morte istantanea di un centinaio di femministe e pure di una dozzina di animalisti. Una frase che trasuda amore per il proprio padre, gratitudine per i valori di umiltà, impegno e meritocrazia che le sono stati trasmessi. Naturalmente la frase dell’ex isolana non ha lasciato indifferente il popolo dei social, che si è scatenato con critiche feroci. “E un asino che paga tutto, se fossi in tuo padre di manderei a raccogliere i pomodori”, “A un uomo invece basta una cosa. Evitare una donna così”, “Ok, dopo questa direi che è arrivato il momento di smettere di seguirti”. Ma la Nasti non si è fatta scalfire dalle critiche e con la fierezza che la caratterizza ha concluso, sotto il commento di un utente: “Certo, sono per pochi”. Pochi fortunatissimi

Articolo scritto da Wendy Migliaccio


Il Milanese Imbruttito