Chiudi video
close adblock Il Milanese Imbruttito

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock Il Milanese Imbruttito

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

News
milano-estate

A-Abbronzatissimi sotto i raggi del sole milanese. Sono tanti gli Imbruttiti che han deciso di paccare le mete turistiche prenotate ante-Covid per rimanere in città. La magra consolazione è che quest’anno non ci attende il solito deserto dei tartari: Milano rimane aperta per ferie e, dal centro alla periferia, promette di fare compagnia a noi vacanzieri metropolitani (per così dire).

Il 60% delle imprese resterà aperto per almeno 3 settimane. Rispetto agli anni recedenti in cui nelle settimane centrali d’agosto rotolavano balle di fieno, ci sarà un 20% in più di attività on. Ad affermarlo sono i dati raccolti dall’Ufficio studi di Confcommercio Milano su un campione di 550 imprese cittadine.

Come riportato da IlGiorno, nella prima settimana d’agosto si registra un 78% di aziende aperte, rispettivamente: il dettaglio non alimentare (91%), pubblici esercizi (83%), negozi alimentari (60%), servizi alla persona e alle imprese (79%), le attività turistiche e della ricettività soffrono un tantino (50%).

Dalla seconda settimana, i numeri calano leggermente ma non siamo comunque soli. La media di apertura in città è di 2.9 settimane sull’intero mese. Not bad.

Con lente d’ingrandimento alla mano, scopriamo che: nella prima settimana abbiamo un 60% delle attività del settore alimentare operative, che diventa poi un 27% e per finire un 20% man mano che ci si inoltra nel mese. Nel settore delle vendite al dettaglio non alimentare si passa da un 91% (prima settimana) all’11% (ultima settimana).

La Milano da bere, da tempo ormai sopita, ci regala infine qualche gioia. Bar e ristoranti mantengono una media d’apertura di 3.3 settimane, passando dall’83% (prima settimana), al 54% (8 – 14 agosto), per poi assestarsi attorno al 33% (fino al 22 agosto.) Dal 22 al 28 abbiamo un 69% e dal 29 al 4 settembre un 76%.

Ora la domanda è: c’è più movimento in centro o in periferia?

Se il pareggio delle prime settimane (77%) faceva ben sperare, ci pensano i giorni restanti a dare il colpo di grazia. Scacco matto per la periferia che prende il sopravvento sul cuore della city: 44% di attività aperte contro il 32% del centro (8 – 14 agosto), 31% contro il 20% (15 – 21 agosto), 65% contro il 58% (22 – 28 agosto). L’equilibrio si ristabilisce a partire dal 29 al 4 settembre con un 76% di attività aperte in periferia e 72% in centro.

A piantare le tende in città e non andare in vacanza sono i 96 mercati cittadini all’aperto con una presenza media del 45% di ambulanti;

Insomma, quest’anno altro che vie desolate e atmosfera da spaghetti western…

Credit immagine copertina


Vai all'articolo precedenteIndietro
Il Milanese Imbruttito