Chiudi video
close adblock

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

Lifestyle News
porta-nuova

Ogni anno la stessa storia: a Gennaio il freschino si attenua e poi d’un tratto sbadabam! Torna il gelo all’improvviso. E così tutti, ma proprio tutti, ci si guarda negli occhi e ci rende conto che «Ah, per forza fa così freddo! Sono i Giorni della Merla

In effetti fateci caso: non c’è previsione metereologica che tenga di fronte all’infallibile preveggenza dei Giorni della Merla che, ad ogni 29 Gennaio, con scarto davvero minimo, ci annunciano in modo quasi scientifico i 3 giorni più gelidi dell’anno, quelli, per intenderci, in cui sfoggiare i guanti non è solo questione di moda.

Ma quanti conoscono l’origine di questo modo di dire tanto allegorico quanto scientifico?!

Credits Immagine

Le leggende a questo proposito sono diverse ed egualmente distribuite lungo tutto lo Stivale, ma noi vogliamo riferirci a quella più milanese di tutte: una leggenda ambientata nel cuore di Milano, più precisamente a Porta Nuova dove, una povera famiglia di merli, infreddolita e affamata, faticava a superare l’inverno.

Papà Merlo, sentendosi sulle ali la responsabilità di Mamma Merla e dei suoi piccoli merlini, decise allora di traslocare con la famiglia in un nido più confortevole, a fianco di un camino: piano alto, vista panoramica, termoautonomo.

Quel camino non solo li teneva al caldo, ma produceva smog, così tanto che, al suo ritorno dopo 3 giorni (esattamente i 3 giorni della Merla), Papà Merlo faticò a riconoscere sua moglie: non era più nera come lui, ma era diventata grigia, dello stessa tonalità polverosa della fuliggine.

Questa versione milanese ovviamente ci è tanto cara per questioni affettive, ma ci inorgoglisce soprattutto perché, a suo modo, dà una motivazione al fatto che, in natura, i merli maschi siano neri e i merli femmina siano grigi, facendo così di una curiosità naturalistica una piccola tradizione tramandata da generazioni qui a Milàn, all’ombra della nostra Madunina.

Credits Immagine di Copertina


Il Milanese Imbruttito