Chiudi video
close adblock

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

News
corso-como-10-new-york-copertina

Pensavate fosse spacciato eh? Beh sì, anche noi viste le voci che giravano, ossia che 10 Corso Como stesse per chiudere. E invece il concept store di zona Garibaldi non solo è riuscito a sbarcare il lunario, ma anche a invadere la Grande Mela, aprendo qualche giorno fa il suo primo store proprio a New York.

10 Corso Como a Milano c’è dal 1991, quando fu fondato da Carla Sozzani, gallerista, fashion editor e sorella dell’ex direttrice di Vogue Franca Sozzani. Un negozio davvero innovativo, tra i primi concept store, che ha ispirato altri punti vendita in Europa. Libri, vestiti, scarpe, prodotti di cosmetica, tazze, mostre fotografiche e bar di livello: un posto da vivere a 360 gradi, sempre nel segno della bellezza e della fighettaggine. Un successo che ha portato all’apertura di altri store a Shanghai, Pechino e Seul, mentre in Italia si rischiava la chiusura. E invece, come detto, non solo lo store milanese sopravvive, ma è approdato pure negli USA, precisamente a New York, Seaport, vicino al ponte di Brooklyn.

Credit immagine

2.600 metri quadrati, tutti su un unico piano, con un bar, un ristorante, una libreria e una galleria d’arte, progettati e decorati dall’artista americano Kris Ruhs, lo stesso che ha strutturato lo store di Milano e ha inventato il famoso logo bianco e nero.

credit immagine

Perché in fondo, se New York avesse il Duomo, sarebbe una piccola Milano (semicit.).

Credit immagine di copertina

 


Il Milanese Imbruttito