Chiudi video
close adblock Il Milanese Imbruttito

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock Il Milanese Imbruttito

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

Lifestyle News
divano-di-friends-central-perk

Se i 30 anni si avvicinano e voi vi sentite ancora degli eterni ragazzi, non temete, ne avete tutte le ragioni. È quello che afferma uno studio di alcuni ricercatori dell’Università di Cambridge.

Secondo la ricerca, infatti, l’evoluzione del nostro cervello dall’età adolescenziale a quella adulta si svolge nell’arco di tre decenni. Gli esperti hanno infatti stabilito che può succedere che la nostra adolescenza finisca con il compimento del trentesimo anno di età.

E non basta. Secondo lo studio, infatti, intorno ai 18 anni, l’età in cui dovremmo diventare maturi, il nostro cervello subisce ancora tutti i cambiamenti tipici dell’età adolescenziale. È proprio questo il momento in cui si è più propensi a sviluppare problemi di salute mentale.

Lo scopo principale dello studio era dimostrare quanto, al giorno d’oggi, sia difficile stabilire un’età in cui qualcuno si possa definire adulto. La nostra tendenza a definire il raggiungimento della maggiore età il momento in cui si diventa adulti, deriva più che altro da una necessità di tipo sistematico. Negli ambiti educativi o sanitari è infatti indispensabile stabilire da quale anno in poi una persona possa essere considerata adulta, in vista, ad esempio, del diritto al voto o di processi in campo giuridico.

In ogni caso, cari Imbruttti sulla soglia dei trent’anni, potete stare tranquilli: se soffrite ancora della sindrome di Peter Pan, non preoccupatevi, la scienza è dalla vostra parte!

 

Articolo scritto da Francesca Solazzo


Vai all'articolo precedenteIndietro
Il Milanese Imbruttito