Chiudi video
close adblock

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

Lifestyle News
piedi-al-limite

Potere dell’alluce valgo vieni a me! Chi l’avrebbe mai detto che in questa quarantena, a sciogliere in brodo di giuggiole gli italiani più del vibratore rabbit e della pizza fatta in casa, sarebbe stato un programma televisivo sui piedi!

Ipercheratosi, piede d’atleta, micosi purulente, placche callose grosse quanto lo stretto di Messina, venghino signori, venghino: il party tra parenti si consuma dall’altro lato dello schermo piatto e si chiama Piedi a Limite. Si tratta della medical serie in onda su Real Time, canale che non manca di regalarci perle degne di essere incorniciate di fianco a un Picasso.

I pietini, come ama chiamarli il popolo fetish, solitamente nascosto nelle pieghe dell’internet o nei dm di qualsiasi ragazza che abbia mai postato una foto con dei sandali, finiscono sotto i riflettori e diventano così protagonisti indiscussi di un programma televisivo che ne esplora malattie e malformazioni.

La serie, un mix inquietante tra Vite al Limite e Malattie Imbarazzanti, nasce negli Usa con il titolo originale di My feet are killing me, ovvero I miei piedi mi stanno uccidendo. A condurla sono i giovani chirurghi podologi Brad Schaeffer (36 anni) che lavora a Hillsborough Township nel New Jersey, e la dottoressa Ebonie Vincent, 33enne che opera in uno studio a O.C in California.

Dimenticatevi delle foto dei piedi da inviare con cui avreste potuto metter su un impero: la visione di questo programma è sconsigliata ai deboli di stomaco. Operazioni, interventi da cardiopalma e patologie assurde sono all’ordine del giorno e senza alcuna pixelatura. Nonostante questo piccolo particolare, gli italiani non si sono certo tirati indietro e anzi, hanno parecchio gradito. A darne prova è lo share: il 27 aprile si è raggiunto il 2.5% ovvero mezzo milione di spettatori. Colpa della noia o delle troppe repliche? Chissà.

Dopotutto, a ciascuno il suo… Feticismo.

Credit immagine copertina


Il Milanese Imbruttito