Chiudi video
close adblock Il Milanese Imbruttito

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock Il Milanese Imbruttito

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

News
zero-waste-1

Per gli amanti degli open space – con molto open e altrettanto space – che in quarantena hanno sognato un ritorno alla natura alla Into the Wild versione chic, giusto per rimanere modesti, ecco il glamping perfetto per voi: lo Zero Waste Hotel.

Si tratta infatti di una camera, o meglio di un letto matrimoniale posizionato su una pedana in legno, che ha per pareti le ridenti montagne svizzere e come soffitto il manto stellato. Impreziosisce l’experience ad alto livello di privacy la presenza di un maggiordomo personale che – a chiamata -, soddisferà le vostre più disparate esigenze.

Lo Zero Waste Hotel è un pop-up hotel completamente no filter, ma anche no finestre, no porte né tanto meno pareti. Il primo prototipo di stanza è stato realizzato fra le Alpi svizzere nel 2017. Galeotto il Covid-19, c’è stato un boom di richieste. Perché dunque non realizzarne altre? Ecco quindi che le stanze sono diventate sette. Si trovano localizzate in diversi romantic spot: 6 nella Svizzera orientale e 1 nel Principato del Liechtenstein.

Il prezzo è tutto fuorché stringato: da 250 franchi svizzeri, circa 275 euro, a notte.

Per chi ha fatto del distanziamento sociale un vero e proprio mantra, non resta che preparare il trolley (e un blister di Imodium).

Ma una domanda rimane: se dovesse piovere?

Credit immagine copertina


Vai all'articolo precedenteIndietro
Il Milanese Imbruttito