Chiudi video
close adblock Il Milanese Imbruttito

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock Il Milanese Imbruttito

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

News
circlelinetibaldi

Un cantiere al giorno toglie il medico di torno. Umorismo a parte, a Milano sono iniziati gli scavi della Circle line Tibaldi-Bocconi. Tra via Bazzi e via Fedro, davanti al nuovo fiammeggiante campus Bocconi, si scaverà che è un piacere.

Qui infatti sorgerà la prima fermata della circle line che collegherà, facilitandoci enormemente la vita, le cinque linee della metro con i treni del passante ferroviario. Sempre in loco saranno presenti anche parcheggi per le biciclette, collegamenti verticali tra i binari e le banchine, due passerelle in via Fedro. Avanguardia.

Il progetto, che rientra nell'operazione di riqualifica degli ex scavi ferroviari cittadini, prevede la costruzione di una stazione sopraelevata all'insegna del green, pronta, a quanto dicono, per l'inizio del 2023.

"Questi interventi vedranno una particolare attenzione all'ambiente e alla biodiversità. Per questo prevedono la presenza di pareti verdi, che sono state ideate nell'ambito di un progetto europeo sviluppato dal Comune con Ferrovie dello Stato e Wwf e che serviranno sia a ridurre l'impatto acustico dei treni sia a migliorare il valore ambientale e consentire passaggi ecologici degli insetti impollinatori, preziosissimi per l'ecosistema", ha spiegato Pierfrancesco Maran (assessore all'Urbanistica) in un video di Palazzo Marino.

L'obiettivo è velocizzare ulteriormente una città che da tempo ha ingranato la settima, sempre strizzando l'occhio all'ambiente. I quartieri saranno infatti collegati fra loro da treni con un'attesa di 10 minuti l'uno dall'altro.

A sostenere economicamente l'iniziativa sono i 3 vincitori di Clever Cities: il bando europeo che si occupa di finanziare progetti che hanno come goal la rigenerazione urbana sostenibile.

Nel caso della Circle Line Tibaldi-Bocconi, il finanziamento coprirà i costi del verde verticale e delle barriere antirumore. Queste ultime avranno anche il compito di controllare, tremite la creazione di un'isola di calore, le variazioni climatiche.

Quella di Tibaldi è solo la prima di una serie di stazioni che verranno costruite con l'andare del tempo. Insomma, non avete più scuse per usare costantemente la macchina!


Vai all'articolo precedenteIndietro
Il Milanese Imbruttito