Chiudi video
close adblock

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

News
164720681-d64b0395-9ea8-4ee0-a2df-3f3bd4c75269

Milano al Top di qua, Milano piena zeppa di eventi di là, Milano che supera Roma come numero di turisti e, parafrasando l’esimio Carcarlo Pravettoni, l’affitto si impenna! Specialmente durante il Salone del Mobile.

Il mercato milanese delle case in affitto di Airbnb, secondo quanto riportato dal Corriere su dati di AirDNA, ha fatturato 152,31 milioni di euro nel 2018, e in città gli appartamenti disponibili tramite la piattaforma digitale più famosa per prenotare una stanza o un casa sono 13.669.

Il prezzo medio per un appartamento a Milano è 80 euro al giorno, 45 per una stanza privata e 24 per una condivisa. Un turista vale circa 957 euro al mese se si cucca tutto l’alloggio, 554 se si prende la camera e 167 se invece fa il povero e la stanza la condivide. Se cresce Milano, come pare di sentire in giro, cresce ovviamente in contemporanea anche il mercato degli affitti (oltre a quello dei prezzi delle case, ma questo già lo sappiamo), e infatti, solo a gennaio 2019 gli introiti meneghini di Airbnb hanno segnato un bel +21,5% rispetto allo stesso mese dello scorso anno, con un fatturato di 10,72 milioni.

Ma la vera crescita dei prezzi a Milano ha un nome e un perimetro temporale ben chiaro: Salone del Mobile.

Durante quella settimana, la media giornaliera per ciaparsi una casa schizza tra i 150 e i 290 euro, fino a toccare i 379 euro (con picchi di oltre mille in alcune zone del centro storico). Tenendo in considerazione che in quella settimana il 69% degli alloggi è occupato. Il periodo invece con più case e stanze disponibili è agosto, ma non perché il turismo diminuisca: semplicemente cambia, non sono giovani ma umarell senior che vengono dal tutto il mondo a Milano e preferiscono chiaramente andare in hotel.

Il Municipio 1 è l’area che mette a disposizione più spazi, circa un quinto del totale; segue la Zona 3 (Porta Venezia, Città Studi, Lambrate).

Tutto chiaro: gli affitti crescono, Milano si affolla, e durante il salone del mobile è meglio farsi ospitare da amici e mettere in affitto la casa, che così le prossime vacanze a Santa ce le si paga in 5gg.

Credit immagine di copertina


Il Milanese Imbruttito