Chiudi video
close adblock

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

News
primo-piano-di-piatti-sporchi-nel-lavandino_53876-25018

Parliamo dell’ennesimo caso di violenza domestica, anche se questa volta a ruoli invertiti.

A Roma, una donna originaria del Perù ha maltrattato per anni il marito costringendolo a svolgere tutte le faccende domestiche da solo. L’uomo doveva lavare i piatti, stendere il bucato e occuparsi della cura della casa. E non è finita qui: non solo era obbligato a fare tutto da solo, ma doveva farlo anche bene! Pena la reclusione in soffitta o il classico a letto senza cena. Secondo le prime ricostruzioni, infatti, l’aguzzina lo aveva rinchiuso moltissime volte in soffitta, lo aveva costretto a fare le scale di corsa col fine di farlo cadere o gli aveva impedito di consumare la cena versando nel piatto del disinfettante.

Sembra una storia inventata di sana pianta, eppure è proprio ciò che è successo. Dopo anni e anni di maltrattamenti è stato il fratello della vittima a sporgere denuncia. Ora per fortuna l’incubo è finito. Alla donna è stato infatti notificato l’obbligo di allontanarsi da casa e soprattutto di avvicinare il marito. La vittima avrebbe dichiarato di non aver mai sporto denuncia per amore del figlio.

Articolo scritto da Francesca Solazzo


Il Milanese Imbruttito