Chiudi video
close adblock

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

News
libreria-feltrinelli-via-manzoni-2

Brutte notizie per i più nostalgici: è pronta a chiudere la Feltrinelli di via Manzoni 12, la libreria a due passi dal Teatro alla Scala.

L’apertura risale al 1957 e la sua attività cesserà per sempre domenica 8 settembre. Un luogo che ha decisamente fatto la storia della città, oltre a essere la preferita di Inge Feltrinelli, l’editrice scomparsa da quasi un anno.

Uno spazio angusto che negli ultimi tempi aveva attirato a sé una stretta clientela, forse un po’ troppo ristretta. Si era specializzata nella vendita di riviste e letteratura straniera, ma da ormai molto tempo i clienti scarseggiavano.

Un tempo, la Feltrinelli di Via Manzoni rappresentava la classica libreria di quartiere. Uno spazio in cui godersi la lettura di un libro e i consigli dei librai.

Purtroppo, come la stessa azienda ha ammesso, i tempi sono cambiati. Il negozio si trova in una zona della città sempre più destinata al lusso e alla moda. Mondi decisamente lontani dal concept con il quale era stata ideato questo luogo.

Secondo la stessa Feltrinelli, è giusto cercare di adattarsi ai tempi che corrono, a una città che è in continuo movimento e sotto una continua trasformazione.

L’apertura della Fondazione Feltrinelli in Viale Pasubio ne è un ottimo esempio. Un centro culturale milanese che cerca di rispondere alla perfezione all’evoluzione che anche la lettura ha avuto.

Insomma, se da una parte è vero che dobbiamo dire addio a uno dei simboli della città, dall’altra possiamo dire che tutto questo fa parte di un percorso di crescita ineluttabile e positivo.

Articolo scritto da Francesca Solazzo


Il Milanese Imbruttito