Chiudi video
close adblock

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

News
shutterstock_1142690483

Troppi scioperi del trasporto pubblico a Milano: se a dirlo sono proprio i sindacati, allora forse l’affermazione vale doppio. Stando a quanto dichiarato da CGIL, CISL e UIL, infatti, lo sciopero è uno strumento che andrebbe utilizzato con cautela, per non rischiare che perda completamente di significato.

Con una lettera, i tre sindacati hanno contestato i tanti scioperi del trasporto pubblico nella nostra città, prendendo spunto proprio dall’ultimo dello scorso venerdì 25 ottobre.

Stando alle loro parole, la maggior parte degli scioperi è indetta da sindacati minori, puntando il dito in particolare contro il sindacato CUB.

La CUB ha dichiarato che lo sciopero di venerdì è stato proclamato per protesta nei confronti del Jobs Act e più in particolare contro la demonizzazione del pubblico in favore dei presunti slanci di efficienza del privato.

I tre sindacati hanno fatto inoltre notare come anche lo scorso venerdì la partecipazione allo sciopero sia stata decisamente bassa, aggiungendo però che il ricorso allo sciopero andrebbe centellinato perché può provocare problemi ai cittadini anche quando è poco partecipato, dato che a volte basta l’effetto-annuncio per creare forti disagi.

Cosa ne pensate, Imbruttiti?

Articolo scritto da Francesca Solazzo


Il Milanese Imbruttito