Chiudi video
close adblock

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

News

Dediti al fatturato sì, incoscienti no. Ed è per questo che Milano e i milanesi stanno correndo ai ripari – come possono – da quando il Coronavirus è diventato una minaccia reale. Lo sappiamo, la città si è svuotata: scuole chiuse, aziende che, se possono, fanno lavorare i dipendenti in smart working da remoto, centri commerciali deserti proprio come i mezzi pubblici e le strade, solitamente brulicanti di gente. Questo ritratto non può che anticipare conseguenze pesantissime anche per l’economia, inevitabilmente congelata.

Proviamo a capire meglio il peso di questi contraccolpi. Stando all’ultimo rapporto dell’Istat sul Pil dell’Italia datato 2017, il peso delle regioni del nord è stato pari a 1.725 miliardi di euro circa, con la Lombardia che ha contribuito per ben 383,2 miliardi. E adesso? Considerando che la nostra, al momento, è la regione più colpita dal virus, si stima che il blocco delle attività produttive per una settimana produrrà una diminuzione del Pil di 7 miliardi. Che decisamente non sono noccioline.

Milano è una delle città economicamente più dinamiche al mondo. Diamo solo qualche numero, per capire meglio: la nostra è la prima provincia italiana per imprese manifatturiere, con oltre 200mila dipendenti nel settore. Secondo l’Osservatorio Milano 2019 di Assolombarda, sul territorio ci sono circa 10.700 imprese a proprietà estera. Non solo: secondo lo stesso rapporto, Milano è terza in Europa in merito all’attrazione di turisti, tanto che solo nell’ultimo anno ha registrato una crescita dell’8,7%.

E dunque, cosa ci dicono questi numeri? Che il congelamento imposto, giustamente, in risposta al Covid-19, può causare (ha già cominciato a farlo) pesantissime ripercussioni sull’economia meneghina. Ad esempio, da quando è scattato l’allarme, i consumi di energia sono calati dell’8,5% rispetto ai lunedì delle ultime settimane. Sui treni pendolari di Trenord hanno viaggiato 350mila persone, il 60% in meno del solito. E che dire del turismo: gli hotel stanno affrontando inevitabili disdette, pari un terzo delle prenotazioni. E che ne sarà di ristoranti, bar, pub e locali protagonisti della famosa movida? Secondo la Federazione pubblici esercenti la chiusura di birrerie, discoteche e locali notturni costa 3 milioni al giorno. Stessa sorte per i negozi griffati di Montenapoleone, che dopo aver perso i turisti cinesi (che qui spendevano ben 300 milioni l’anno) ora hanno perso anche la clientela locale.

Gli unici che sembrano guadagnarci, in questo momento, sono i supermercati. La psicosi di una buona fetta di cittadini ha permesso alla Coop di vedere le vendite di domenica salire in media del 50%. E anche in questi giorni gli scaffali sono praticamente vuoti, nonostante sia stato ripetuto più volte che l’approvvigionamento è garantito persino nella zona rossa. E naturalmente c’è chi, in questo disagio generale, prova a lucrarci su: al mercato rionale di via Ghini pare che i fornitori di arance e clementine abbiano fatto sapere che aumenteranno i prezzi. E se cercate amuchina o mascherine su internet preparatevi a sgranare gli occhi: se solitamente il gel disinfettante costa 4 euro, ai tempi del Coronavirus è diventato un bene di lusso da 30 euro. E se cercate le mascherine, c’è chi vende una confezione da 5 a 189 euro. Figa che ladri.

Articolo scritto da Wendy Migliaccio


Il Milanese Imbruttito