Chiudi video
close adblock Il Milanese Imbruttito

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock Il Milanese Imbruttito

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

News
inquinamento

È proprio il caso di dirlo, anzi, di metterci nei panni dei nostri poveri polmoni e urlarlo a gran voce con tutto il fiato che abbiamo in corpo: almeno una gioia! Dovete sapere che il Coronavirus ha portato a una consistente diminuzione dell’inquinamento nel Nord d’Italia, e qui ci scappa un grandissimo grazie, Graziella e grazie al cazzo.

L’avevamo già visto succedere in Cina, ma mai – e dico mai – ci saremmo sognati di ritrovarci nella stessa situazione. Grazie alle restrizioni messe in atto per arginare la diffusione del virus, che comprendono la chiusura di istituti, negozi, smart working e quant’altro, i veicoli in circolazione sono notevolmente diminuiti.

Se due più due fa quattro, ecco aleggiare su tutto il Nord della Penisola un’aria piuttosto pulita. A darne testimonianza sono le foto pubblicate su Twitter dal ricercatore dell’Università di Washington e della Nas, Santiago Gassò. Le immagini messe a confronto, ritraenti regioni come la Lombardia, sono rispettivamente del 14 febbraio – prima dello stop – e dell’8 marzo, a diversi giorni dalla proclamazione delle famose restrizioni.

Salta subito all’occhio, anche a chi non ci capisce un’acca, che i livelli di No2 – rappresentati sulla mappa con il colore rosso – si sono notevolmente affievoliti nel giro di un mese.

Le foto arrivano direttamente dal satellite Sentinel 5, del programma europeo Copernicus, gestito dalla Commissione Europea e Agenzia Spaziale Europea. I suoi sofisticatissimi sensori Tropomi – Tropospheric Monitoring Instrument – hanno rilevato e documentato questa progressiva diminuzione dei livelli di biossido di azoto.

Data la quarantena, poteva forse essere altrimenti?

Credit immagine copertina


Vai all'articolo precedenteIndietro
Il Milanese Imbruttito