Chiudi video
close adblock Il Milanese Imbruttito

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock Il Milanese Imbruttito

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

News
milano_auto

Se da un lato il Coronavirus ha galvanizzato il mercato delle bici e dei monopattini, dall’altro sta causando non pochi problemi al mondo delle automobili, compagne fedeli di lunghe code in tangenziale.

A dipingere il quadro poco esaltante sono i dati di Federauto. Tra gennaio e maggio, mentre stavamo tutti chiusi in casa in piena emergenza Covid-19, a Milano – tra città e hinterland – sono uscite dalle concessionarie 24.884 automobili, il 50,7% in meno rispetto al 2019. Del resto, a chi serviva una macchina in quarantena?

A maggio leggero miglioramento: sono state immatricolate 6.121 automobili, quasi il 41,6% in meno rispetto allo stesso periodo del 2019. Ora uno sguardo più ampio a tutta la Lombardia, dove si è registrato un calo del 42,5% rispetto a maggio del 2019, con 17.868 vetture immatricolate rispetto alle 31.101 dell’anno scorso.

“La tendenza negativa in regione e a livello nazionale – ha commentato Plinio Vanini, Presidente del Gruppo Autotorino – è confermata anche nelle sedi del Gruppo Autotorino, che registrano una caduta degli ordini che varia tra il -40% ed il -50%. A livello di Gruppo, contiamo un terzo in meno sul volume che ci saremmo attesi in condizioni normali.

La situazione è grigia insomma. Secondo Vanini senza un aiuto da parte del Governo il mercato dell’auto è destinato a salutare male questo infimo 2020. “C’è il consistente rischio di uno stallo ancor più accentuato che, secondo le stime di Federauto, potrebbe portare a una chiusura del mercato auto 2020 con 800mila unità in meno rispetto all’anno precedente. Si prevede una perdita occupazionale di 40mila dipendenti nelle concessionarie (a fronte dei 120mila)”. Male male.


Vai all'articolo precedenteIndietro
Il Milanese Imbruttito