Chiudi video
close adblock Il Milanese Imbruttito

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock Il Milanese Imbruttito

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

News
schermata-2020-08-05-alle-17.03.54

Arriva da fuori circonvalley questa notizia mix and match tra ghiotto e benefico, precisamente da Canicattì, terra di Sicilia (Canicattì Canicattì, mica per modo di dire!).

I protagonisti si chiamano Vincenzo e Giulio Bonfissuto e sono due pasticceri della cittadina in provincia di Agrigento che hanno deciso di piantare e coltivare 70 alberi di pistacchiofastuca in siciliano, dall’arabo fustuq – da cui poter direttamente attingere per la propria produzione dolciaria. E così, partendo dalla loro riserva personale di oro verde, presso cui hanno allestito un laboratorio, hanno ideato un progetto che proprio da quest’albero e frutto prende nome e che gli consentirà, tramite una raccolta fondi, di realizzare un sogno, quello di ridar vita a un antico pistacchieto, “per non perdere un patrimonio culturale e agroalimentare unico di queste zone”. Fustuq è proprio il nome dato alla campagna e prevede un contributo in cambio di alcuni prodotti simbolo, come il panettone al pistacchio. “I rami, le foglie e i frutti di ogni singolo albero – spiegano – apparterranno virtualmente a chi ci aiuterà a coltivarli”.

Il terreno collinoso e calcareo su cui sorge il frutteto riportato in attività dalla passione e dalle mani dei fratelli pasticceri, intorno agli anni Venti del Novecento era una zona dedicata alla coltivazione di pistacchio, ma oggi quest’area è quasi persa. Grazie alla loro iniziativa ora sarà possibile dare nuova linfa alla produzione di una delle materie prime tra le più amate e rinomate dell’arte dolciaria siciliana, insieme al noto cioccolato di Modica e alle pregiate mandorle di Avola.

Dal primo agosto – e durerà un altro mese – è già partita la campagna di crowdfunding che, patrocinata dai Comuni di Delia, Canicattì e Naro, offre ai coltivatori virtuali dei pistacchi la possibilità di osservare a distanza il proprio albero e anche quella di attribuirgli un nome. In più, periodicamente questi riceveranno informazioni sulla crescita, la fioritura, e il raccolto di ogni singolo pistacchio, nonché sulla sua trasformazione e utilizzo.

Alzi la mano, ora, chi non ama il pistacchio in tutte le sue forme. Pochi immagino, e allora venghino i signori che sono pronti a contribuire con una piccola donazione a questa bella iniziativa. Con l’offerta minima di 27 euro riceverete un bel panettone, giusto in tempo per il prossimo Natale, che dite: si può fare?

Intanto godiamoci l’estate.

Articolo scritto da Maria Teresa Falqui


Vai all'articolo precedenteIndietro
Il Milanese Imbruttito