Chiudi video
close adblock Il Milanese Imbruttito

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock Il Milanese Imbruttito

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

News
bambinoeducazionesevera

La signorina Rottermaier dissente fortemente, e con lei la stragrande maggioranza dei nonni e dei genitori che ci hanno cresciuti tra un lancio della ciabatta e un "Sei in castigo fino ai 18 anni". Secondo uno studio condotto delle Università di Montreal e Standford, un'educazione troppo severa danneggerebbe il cervello dei bambini.

Prima di incazzarvi e dar la colpa a queste bislaccherie per la maleducazione della Gen Z &co., leggete qui.

L'eccessiva rigidità accompagnata da violenza verbale avrebbe conseguenze psicologiche notevoli sui bambini, a tal punto da modificarne il cervello impedendo lo sviluppo corretto di alcune aree.

"Lo sviluppo sociale ed emotivo, così come gli aspetti legati allo sviluppo cerebrale dipendono dall’educazione che i bimbi ricevono; studi precedenti hanno già dimostrato che i bambini che hanno subito gravi abusi mostrano cortecce prefrontali e amigdala più piccole", ha spiegato Sabrina Suffren, ricercatrice dell'Università di Montrèal, ribadendo un concetto che dovrebbe già di per sé essere chiaro.

"Le implicazioni che abbiamo valutato vanno oltre i cambiamenti nel cervello, credo che sia importante che tutti i genitori e la società comprendano che l'uso frequente di pratiche eccessivamente severe può danneggiare lo sviluppo di un bambino", conclude la donna. I film sui serial killer non vi hanno insegnato nulla?

Riassumendo: per educare nella maniera più corretta il proprio nano, iniziandolo non solo all'avviamento di una start up, bisogna evitare come la peste di cadere nella violenza fisica e psicologica. La giusta via sta nel mezzo, basta solo capire come tararsi e dare peso alle proprie azioni. Lo studio, infatti, vuole essere un monito per chi è genitore o si appresta a diventarlo.

Poi ovvio, ogni generazione è sempre peggiore della precedente, o no?


Vai all'articolo precedenteIndietro
Il Milanese Imbruttito