Chiudi video
close adblock Il Milanese Imbruttito

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock Il Milanese Imbruttito

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

News
domusloreto00.jpg.foto.rmedium

Non fai in tempo a rallegrarti per il prossimo restyling di via Padova, che tempo zero un altro pezzo di Milano cambia faccia. Piazzale Loreto sta per trasformarsi in una vera e propria oasi verde grazie al progetto Milano per LOC (dove LOC sta per Loreto Open Community) dello studio Ceetrus Nhood, che si è aggiudicato il concorso Reinventing cities, il bando internazionale promosso dal Comune di Milano in collaborazione con la rete di città del mondo C40. Bravi tutti.

Parole d'ordine: sostenibilità e mobilità. L'idea perseguita da Beppe Sala è quella del modello della città a 15 minuti: "Questo progetto va in questa direzione – ha dichiarato il Sindaco – le piazze non sono punti di passaggio, ma l’anima di un quartiere e centro di servizi". Tra l'altro questo ritocchino dovrebbe portare a un ritorno economico di 250 milioni di euro. Sbeeem!

Per vedere qualcosa di fatto, però, tocca avere pazienza: i lavori inizieranno nel 2023 e termineranno giusto in tempo per le Olimpiadi invernali del 2026. "Il progetto - si legge in una nota di palazzo Marino - ambisce a trasformare piazzale Loreto da non-luogo a spazio aperto, inclusivo e sostenibile connesso con i quartieri che si affacciano su tutti i suoi lati. Partendo da una revisione strategica della viabilità, che garantirà comunque una capacità analoga a quella del nodo esistente, il masterplan restituirà alla città 24.000 mq di spazio pubblico pedonale, di cui oltre 12.000 nella piazza, il 69% dell’area, a fronte dei 2.484 mq utilizzabili oggi, e il restante distribuito tra via Padova e via Porpora".

Ma qui vogliamo i dettagli. Allora: "Il masterplan di Loc prevede la realizzazione di una grande agorà verde dove i gradoni, i percorsi ciclopedonali, gli elementi d’acqua e le nuove costruzioni delineano un nuovo punto di riferimento per il paesaggio urbano milanese". Una piazza anfiteatro, praticamente, in cui ospitare concerti, manifestazioni, mercati, attività sportive e tante belle cose. Il traffico sarà dirottato ai margini della piazza, in modo da favorire bici e pedoni. 

E poi Green come se piovesse. "Circa 300 alberi verranno piantati sia nel cuore della piazza che lungo via Padova e viale Monza, altri 200 verranno messi a dimora in città nell’ambito di ForestaMi. I tetti degli edifici si configureranno come giardini rialzati aperti al pubblico e gestiti in sinergia con le attività commerciali sottostanti. Questo porterà la riduzione delle isole di calore in particolare nei picchi estivi e la creazione di un micro-clima con una temperatura di 6-7° inferiore alla temperatura percepita, contribuendo alla riduzione complessiva di C02 nell’area, rispetto allo stato attuale, del 35%". Oooh, questa è davvero una gran cosa.

Attenzione all'edificio di via Porpora, oggi sede del Comune di Milano, che sarà riqualificato in modo da ospitare un asilo di quartiere, spazi per coworking e uffici. Infine, tra le altre chicche interessanti di questa trasformazione, in via Doria verrà messo in piedi un ostello con "Ampi spazi d'interesse ad uso pubblico e un piccolo polmone urbano con 90 alberi, in continuità con la riconfigurazione di Piazzale Loreto e corso Buenos Aires". Ci piace!


Vai all'articolo precedenteIndietro
Il Milanese Imbruttito