Chiudi video
close adblock Il Milanese Imbruttito

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock Il Milanese Imbruttito

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

News
beccatapert8_wjl7l5tikunsplash

La pandemia è stata, per molti, la scusa ideale per tagliare i ponti con alcuni amici. Sai com'è. Passa il tempo, non ci si vede per mesi, magari per anni, non ci si interessa, o in alcuni casi si maturano opinioni opposte su un tema delicato come quello del Covid. Vax, no vax. Quale che sia il motivo che vi ha portato ad allontanarvi da quelli che ritenevate amici, sappiate che va bene così. Non andate in sbattimento, non fatevi venire delle pare o dei sensi di colpa. In questo senso è molto interessante l'approfondimento di Bryan Lufkin, columnist della BBC.

Secondo Lufkin, questo allontanamento può farci sentire strani. Non ci siamo abituati. Eppure è del tutto normale, sano e giusto. La news è che non siamo tenuti a ripristinare tutte le conoscenze che avevamo pre pandemia. Ci sta. Cioè, il riavvicinamento deve avvenire solo se entrambi i soggetti hanno piacere, altrimenti nessuna forzatura. Chi si è visto si è visto e buonanotte. Anche Radio Deejay ha dedicato un approfondimento al tema, consultando la psicologa e psicoterapeuta EMDR Eleonora Bianchi.

amici2.jpg

La doc ha rivelato che la pandemia, allontanandoci fisicamente dai nostri contatti, ci ha costretto a nuovi modi per sperimentare la vicinanza, facendoci al contempo selezionare i sopravvissuti della nostra cerchia. Eleonora Bianchi fa riferimento a Robin Dunbar, psicologo evoluzionista presso l’Università di Oxford, secondo il quale la tensione sociale scatenata dalla pandemia può portare alla perdita di alcuni legami. Tutto regolare.

Insomma, no sensi di colpa. La psicologa ha citato anche William Rawlins, professore di comunicazione all’università dell’Ohio, il quale sostiene che "La capacità di coltivare le amicizie è una misura della libertà che abbiamo delle nostre vite in un determinato momento". In amicizia dobbiamo sentirci liberi, sereni, felici, a nostro agio. Dobbiamo gestire il rapporto nel modo che si ritiene giusto per sé stessi, cosa che diventa anche indice della capacità di autodeterminarsi. Se dunque avete pensato di fare ghosting con qualche amico... tranqui, va bene così.


Vai all'articolo precedenteIndietro
Il Milanese Imbruttito