Chiudi video
close adblock Il Milanese Imbruttito

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock Il Milanese Imbruttito

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

News
shutterstock_645791236

Milano si ama o si odia, ma su una cosa possiamo essere tutti d’accordo: viverci costa una fucilata. E gli stipendi medi non aiutano abbastanza. Se tanti già lo pensavano, iniziando a smadonnare intorno alla quarta settimana del mese, ecco che arriva anche la certificazione dell’annuale classifica di Ubs Global Wealth, per la quale sono stati confrontati i prezzi e i salari di 77 città del mondo, analizzando anche il potere d’acquisto e il tempo di lavoro necessario per quello stesso acquisto da parte dei cittadini.

Ed ecco la notizia: Milano è la settima città più cara al mondo. Davanti a lei solo Zurigo (prima in graduatoria), Ginevra, Oslo, Copenhagen, New York, Tokyo. Il big problem è che le altre città hanno mediamente stipendi più alti… Milano no: la posizione del capolouogo meneghino crolla al 27esimo posto nella classifica degli stipendi, che diventa addirittura 33esima se facciamo il confronto al netto delle imposte.

E pure a potere d’acquisto siamo messi male qui a Milano: la città imbruttita è 33esima, con indice al 68.3, dietro tantissime città europee analizzate (pure Roma, FYI, che è 18esima).

Milano: tanta fattura, tanta fatica.


Vai all'articolo precedenteIndietro
Il Milanese Imbruttito