Chiudi video
close adblock Il Milanese Imbruttito

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock Il Milanese Imbruttito

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

Lifestyle News
schermata-2018-09-13-alle-10.50.06

Da Hogwarts al parco di Trenno è un attimo, uno schioppo di dita, un colpo di bacchetta. Non è necessario neanche inforcare una scopa di saggina o prendere l’Hogwarts Express in quel di Cadorna.

A Milano è sbarcata la versione meneghina – senza boccino, pluffa e bacchette di sgamo nascoste nelle divise – del Quidditch, il popolarissimo sport proveniente dal magico mondo di Harry Potter.

L’idea di portare questa disciplina nel mondo Babbano è venuta a Michele Clabassi dopo aver visto il successo ottenuto negli States. Ecco quindi che spuntano dal Cappello parlante i Milano Meneghins: la prima delle tante squadre italiane che partecipano ogni anno al torneo nazionale Coppa Italia.

Ma come funziona il Quidditch all’italiana?

A cavallo delle scope – tenute per ovvietà tra le gambe – due squadre da 12-14 giocatori prendono posizione:

«Si è in sei contro sei dal primo minuto al 18°. Al 17° entra in campo il boccino: un arbitro non giocante. Dal 18° poi si aggiunge un cercatore per team. In ogni squadra ci sono tre cacciatori, un portiere e due battitori. Il portiere e i cacciatori, liberi di muoversi per tutto il campo, giocano con la ‘pluffa’. Il loro scopo è segnare nei tre anelli avversari (10 punti a goal). I battitori invece lanciano i ‘bolidi’, con i quali possono colpire i giocatori antagonisti. Chi viene preso da un ‘bolide’ deve scendere dalla scopa, tornare ai propri anelli e toccarli. Solo allora può rientrare in campo. Se invece ad essere colpito è il portatore di ‘pluffa’, deve lasciare cadere la palla» ha spiegato uno degli organizzatori a MilanoToday.

La pluffa non è altro che un pallone da pallavolo leggermente sgonfio; i bolidi delle palline da dodgeball. E il famigerato boccino d’oro? Una pallina da tennis infilata in un calzino, legato all’altezza dei pantaloni… dell’arbitro! Insomma, il poverino non deve solo controllare che i giocatori non si lancino maledizioni Cruciatus e Sectumsempra in un impeto di collera.

Per giocare servono solo scarpette, paradenti e fasce in testa, in modo da specificare e rendere riconoscibili i ruoli dei giocatori. Essendo un mix di pallamano, rugby, basket, si consiglia quindi di lasciar a casa i costumini da cosplayer e le perculate del caso. Prima di ritrovarsi in infermeria con Madama Pomfrey che vi rimpinza di purea di mele!

Per promuovere il Quidditch in Italia e reclutare nuovi giocatori, il 16 settembre al Parco di Trenno si terrà una partita dimostrativa.

 Credit immagini


Vai all'articolo precedenteIndietro
Il Milanese Imbruttito