Chiudi video
close adblock

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

Lifestyle News
vicenza-rocky

Accade anche nei film: muore il protagonista bipede e nessuno fa una piega, giusto un poverino di circostanza e nulla più. Muore il quadrupede e subito fiumi di lacrime, montagne di fazzolettini e presa male di minimo 2 ore. Gli animali da compagnia, gatti e cani in particolar modo, ci fanno questo effetto; inutile negarlo. Di fronte a occhioni dolci e orecchiette morbide non si può rimanere impassibili. Se ci vengono portati via, per un motivo o per l’altro, il vuoto che lasciano è qualcosa di incolmabile.

Questa è la sensazione che devono aver provato i colleghi di Rocky, il cane antidroga che collaborava con il Consorzio di Polizia Locale Nordest Vicentino e Alto Vicentino quando ha terminato il servizio. Lo splendido esemplare di pastore tedesco – di appena 3 anni – è passato a miglior vita a causa di una torsione dello stomaco: una patologia che purtroppo è solita colpire i cani di taglia media e grande.

Rocky a quanto pare era un validissimo collaboratore in quella che possiamo chiamare la caccia al pusher. A piangere questo suo dar la zampa in materia, però, non sono stati solo i colleghi poliziotti.

Verso le 7 del 19 novembre, nell’area ex Nordera di Thiene vicino al garage del comando di polizia locale, davanti agli occhi degli agenti è spuntato un biglietto – scritto a mano – a dir poco stupefacente:

Credit immagine

«Saremo criminali, spacciatori, delinquenti, ma anche noi abbiamo sentimenti. Un cane non può avere alcuna colpa e quello che è successo dispiace pure a noi. Magari avete pensato che avessimo stappato una bottiglia ma non è così. Ciao Agenti, Buona Caccia. Ciao Rocky», si legge sul foglio firmato con un sacchettino contenente marijuana e hashish, giusto per non lasciare dubbi.

I pusher dal cuore di burro non sono rimasti impassibili di fronte a una tale perdita e hanno voluto omaggiare a modo loro il peloso soldato caduto.

Credit immagine copertina


Il Milanese Imbruttito