Chiudi video
close adblock Il Milanese Imbruttito

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock Il Milanese Imbruttito

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

News
parco-nord_food-forest

Una bella iniziativa green sta nascendo in quel del Parco Nord di Milano. Una di quelle idee che ti aiutano a fare il figo con gli amici, classicone: “Ué, ieri mi sono mangiato una mela direttamente dal mio albero, bella succosa”. Replica prevedibile: “Ma scusa, non vivi in un appartamento in centro? Da quando hai un albero?”. Ed è a questo punto che potrete tirare fuori il jolly: “Non sei aggiornato, adesso puoi adottare un albero al Parco Nord e mangiare tutto quello che produce, tac”. Figo, no?

Spieghiamo bene: praticamente è nata la Food Forest, 10mila metri quadrati di bosco che saranno però operativi a partire dall’autunno 2020, quando all’interno del Parco Nord saranno piantumate 2mila piante tra alberi e arbusti da frutto, da legno e medicinali che potranno essere adottati dai cittadini. La foresta avrà comunque accesso libero, per consentire ai visitatori di scoprire funzioni e usi di specie autoctone poco conosciute o utilizzate in cucina. Un progetto nato grazie a Green saturdays, l’iniziativa organizzata dalla catena di ristoranti That’s vapore che destinerà al progetto Food Forest il 50% del ricavo dei propri piatti vegetariani venduti ogni sabato a partire dall’11 luglio sia all’interno dei locali che tramite delivery. Dai, che un sabato vegetariano non si nega a nessuno, su.

A occuparsi della piantagione sarà Etifor, costola dell’Università di Padova specializzata in riforestazione, certificazione e valorizzazione del patrimonio naturale. Come prime specie troveremo acero, biancospino, carpino, ciliegio, frassino, melo selvatico, nocciolo, pero selvatico, prugnolo, rosa canina, sanguinella, quercia e tiglio. “Nel nascente ecosistema – hanno spiegato gli organizzatori – verranno strutturati tre percorsi stagionali, primaverile, estivo e autunnale, per guidare il visitatore nella scoperta di storia, usi e ricette riguardanti le piante presenti grazie ad un apposito qr code riportato sulla segnaletica”.

La piantumazione, quindi, verrà fatta in autunno ed entro qualche anno potremo andare a riscuotere frutti, bacche, gemme, fiori e foglie. Le adozioni si potranno fare attraverso il portale per le riforestazioni WowNature. Dai che con appena 20 euro puoi prenderti un albero, goderti i suoi fiori e i suoi frutti e avere un buon motivo per fare il figo.


Vai all'articolo precedenteIndietro
Il Milanese Imbruttito