Chiudi video
close adblock Il Milanese Imbruttito

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock Il Milanese Imbruttito

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

Lifestyle
smartworkingcosanonfare

Lavorare in smart working dalla propria abitazione a volte è veramente difficile, complice anche il pigiama/tuta che si sposa benissimo con materasso e piumone della camera da letto. Se a questo aggiungiamo il richiamo del divano - e quello del frigorifero - avere la concentrazione di una mosca, alle volte, è l'unico risultato che si ottiene stando davanti al pc. Per fortuna esistono i motivatori di professione.

L'idea originale arriva da Caveday, progetto nato in tempi non sospetti a New York (2017) che permetteva alle persone di ritrovarsi a pagamento la domenica per lavorare e motivarsi insieme. Inclusi nel prezzo c'erano pure due pasti, snack e caffè. Con la pandemia del 2020, però, è stato necessario traslare l'iniziativa sul piano virtuale, e start up simili sono proliferate in giro.

Si tratta di spazi virtuali di co-working in cui ci si ritrova per lavorare e aumentare la propria produttività. Nulla di nuovo per gli Imbruttiti che masticano il concetto come solo il risotto alla milanese. Ma come funziona e in che modo ci si sente più motivati?

Iniziamo con il dire che ci si connette tutti simultaneamente su Zoom, si compila la schedule e si mette il telefono in modalità aereo. Si inizia a lavorare con slot di 60 minuti ciascuno. Tra un'ora e l'altra, c'è una pausa in cui una cave guide fa fare esercizi e streching. In alternativa, si è liberi di contattare gli altri partecipanti per un po' di chiacchiericcio da pausa caffè. Al termine della propria sessione, si dà un cinque virtuale e saluta tutti.

La filosofia dietro questo tipo di incontri è il get stuff done: fare tutto il possibile per portare a casa l'obiettivo. Si applica molto bene a chi lavora in azienda e spesso, data la mole di lavoro, si sente poco motivato. Stare virtualmente a contatto con altre persone stimolerebbe una sana competitività e innescherebbe le dinamiche positive del team. Pur di non sembrare la pippa della squadra ci si impegnerebbe al massimo, dunque.

Questi focus group, come si è iniziato a chiamarli, non sono utili solo in ambito professionale ma anche personale. C'è chi ad esempio, grazie all'aiuto di un team di sconosciuti, ha organizzato un matrimonio intero o scritto un libro.

Da provare, stando attenti alle figuracce in cam.


Vai all'articolo precedenteIndietro

Tag:


Il Milanese Imbruttito