Chiudi video
close adblock Il Milanese Imbruttito

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock Il Milanese Imbruttito

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

Lifestyle
sostenibilita

Alla fine Green&Grano non è solo un mantra che fa figo. L'Imbruttito ci crede veramente alla storia della sostenibilità, e nella vita quotidiana, tra smart working e aperitivi in video call, mette in pratica comportamenti virtuosi. Te capì

Questo riassuntino lo dobbiamo a un'indagine fatta proprio da noi durante la Milano Digital Week, che ha chiamato a raccolta la nostra community con un sondaggio dedicato proprio al tema. Oltre 900 Imbruttiti si sono fatti lo sbatti di rispondere a un po' di domande su stili di vita, alimentazione e proposte di miglioramento. Oh, i risultati sono pure meglio di quello che ci aspettavamo. Big applause.

First, tema sostenibilità. Stiamo sul generico, tanto per cominciare. Il 52,3% dei milanesi (di nascita o adozione) se l'è menata dichiarandosi grande conoscitore dell'argomento, il 17,2% ha affermato di conoscerlo molto bene e solamente il 4,2% ha ammesso di saperne poco. Onesti, ma ignurant. Quindi, se non hanno raccontato palle, sul mondo green gli Imbruttiti sono sul pezzo. Ma come mai sono così informati? Il 62,3% vuole tutelare le generazioni future ed evitare di lasciare loro un mondo pieno di smog e plastica a palate. Poi chiaro, ci sono quelli ambiziosi che vogliono salvare il pianeta (60,6%). Solo l’1,9% afferma di interessarsi alla sostenibilità per moda. Onesti, ma superficialotti.

bicicletta-1.jpg

Ora gli sbatti. Tra le menate che preoccupano di più, al top c'è l’aumento dei rifiuti (54,9%), seguito dai cambiamenti climatici (53,7%). Tutti Greta Thunberg, eh? Impensieriscono anche i danni alle specie animali (33,5%) e l’inquinamento atmosferico (21,5%). Va bene, ok, bravi tutti. Ma quindi, che si fa? Cioè, concretamente.

Per darsi da fare si comincia con la raccolta differenziata. Il 96,1% degli imbruttiti che ha risposto al sondaggio ha dichiarato di farla quotidianamente. Quindi sanno esattamente dove cestinare il cartone sporco della pizza, le pile usate e i pezzi di stoffa mangiucchiati dal cane. Chapeau. Bene ma non benissimo il discorso cavi e digital: staccare i caricabatterie e spegnere gli elettrodomestici quando non sono in uso è la norma solamente per il 39,9%. Il 4,9% dei veri Imbruttiti si è comprato il monopattino elettrico, che fighetti.  

raccoltadifferenziata.jpg

Anche le istituzioni devono fare la loro parte, eh. Per il 45,3% degli intervistati servono norme più severe che regolamentino l’utilizzo del riscaldamento condominiale, spesso acceso a cazzo,  anche quando non necessario. Altri Imbruttiti, il 43,2%, vogliono ancora più bike sharing e piste ciclabili, mentre il 36,8% pretende parcheggi gratuiti per le auto a basso consumo. Più sostenibilità, più grana? No problem. Il 74,4% degli Imbruttiti ha dichiarato di essere disposto a pagare di più un prodotto o un servizio sostenibile, rispetto alla versione non green dello stesso. 

autoelettriche.jpg

Ocio alla spesa: tra le corsie dei super i rappresentanti della community Imbruttita tengono d’occhio l’uso della plastica nel confezionamento (40,4%) e l’origine del prodotto (il 35,4% li preferisce biologici, il 34,5 a Km0). E poi c'è il 34% che al momento della scelta valuta esclusivamente l'aspetto economico. Gli Imbruttiti dei discount. Se in generale, quindi, la community merita una medaglia green, a tavola le cose cambiano. Gli intervistati non rinunciano alla cotoletta e all’ossobuco: l’81,2% è felicemente onnivoro. Solo l’8,3% ha scelto una dieta vegetariana e ancora meno, l’1,4%, ha abbandonato completamente i prodotti di origine animale. Forse si cibano di fatturato, chissà.

Al ristorante, il 35,7% degli intervistati non si fa problemi a chiedere acqua di rubinetto e doggy bag per non sprecare ciò che non si è consumato mentre il 18,7% non l’ha mai fatto per paura di apparire sfigato. Il 35,2% non sapeva nemmeno ci fossero queste opportunità, ma dichiara di essere interessato a sfruttarla non appena sarà possibile. Dai che la doggy bag is the new Birkin, lo sanno tutti.


Vai all'articolo precedenteIndietro
Il Milanese Imbruttito