Chiudi video
close adblock Il Milanese Imbruttito

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock Il Milanese Imbruttito

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

News
fridakhalomostramilano

Ommmioddio amo ci dobbiamo troppo andare. Siamo arrivati a quel momento dell'anno in cui potete finalmente taggare la bff sotto al post di una mostra senza far andare a fuoco il museo che la ospita. Torna in città colei che non ha assolutamente bisogno del microblading; e voi, d'altro canto, per vederla non necessitate di chissà quale percorso di studi a Brera. Si tratta di Magdalena Carmen Frida Kahlo y Calderón, meglio conosciuta come Frida Khalo.

L'artista simbolo dell'avanguardia culturale messicana torna a deliziare la città di Milano con la mostra Frida Kahlo - Il Caos dentro.

Dal 25 maggio 2021 al 25 luglio 2021, Via Procaccini 11 aka La Fabbrica del Vapore ospiterà un viaggio a 360° alla scoperta della vita della pittrice, l'amato Diego Rivera (esponente dell'arte muralista) e la riproduzione della Casa Museo Azul in cui visse.

L'esposizione interattiva sull'icona femminile più amata del '900 è divisa in sezioni tematiche scenografiche che accompagnano i visitatori in 1600 mq di caos colorato. Un po' come la vita di Frida: un mix di passioni, dispiaceri e tavolozze dalle mille sfumature.

Libri, lettere documentari e film contribuiranno a raccontarvi l'essenza della protagonista, così come la perfetta ricostruzione degli spazi in cui visse. Tutto vi parlerà di Frida: dallo studio, alla camera da letto, passando per gli oggetti di vita quotidiana (gioielli, disegni, pagine di diario...), fino agli scatti inediti del fotografo colombiano Leo Matiz, grande amico della donna.

Non è finita. Saranno presenti anche alcuni dipinti originali mai esposti prima d'ora come il Ritratto di Frida (disegnato da Rivera, 1954), La Nina de losabanicos (Diego Rivera, 1913) e alcuni disegni sempre firmati da Diego María de la Concepción Juan Nepomuceno Estanislao de la Rivera y Barrientos Acosta y Rodríguez (sì, è il suo nome per esteso).

Qui trovate il costo del biglietto e come prenotare la visita. A questo link invece, gli orari, i contatti e tutte le info del caso.

Amo sono già là.


Vai all'articolo precedenteIndietro
Il Milanese Imbruttito