Chiudi video
close adblock Il Milanese Imbruttito

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock Il Milanese Imbruttito

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

News
smartworking

Che Mark Zuckerberg fosse avanti già si sapeva, ma ci ha appena dato una nuova conferma. Il boss di Facebook, infatti, ha deciso che i dipendenti che lo desidearano potranno scegliere di restare in smart working a tempo indeterminato. Applausi. 

Sono in tanti, infatti, ad aver iniziato ad apprezzare il lavoro agile, soluzione gettonatissima in tempo di pandemia. Più tempo a disposizione per se stessi e per la propria famiglia, cash risparmiato, e molti meno sbatti in generale. Per questo, come vi abbiamo raccontato pochi giorni fa, c'è addirittura chi, pur di non tornare in office, ha deciso di licenziarsi. Non stupisce, quindi, che Zuckerberg abbia deciso di sostenere il desiderio di molti dei suoi dipendenti, concedendo loro di continuare a lavorare da casa anche una volta finita la pandemia. 

Cioè, non pensate esclusivamente a uno slancio di generosità. Il Mark non fa nulla a caso: uno studio recente, Marketers State of Remote Working 2021 promosso da Marketers, ha evidenziato come l’80% dei lavoratori ritenga di essere più produttivo senza l'obbligo di andare in ufficio a timbrare il cartellino. Quindi il pensiero di Zucky sarà: "Più smart working, più fatturato. Taaac!". Sarà che lo stesso ad di Facebook ha deciso di lavorare da casa per almeno sei mesi l'anno. "Mi sono accorto che lavorando in questo modo mi resta più spazio per pensieri di lungo-termine, oltre che più tempo da passare con la mia famiglia, cosa che mi rende più felice e più produttivo", parole sue.

Ora, non è che adesso i dipendenti di FB possono fare un po' quel cazzo che gli pare eh. L’azienda ha precisato che consentirà ai suoi lavoratori di poter richiedere il lavoro a distanza dove possibile. In più i dipendenti potranno trascorrere fino a 20 giorni lavorativi all’anno in una località remota. "Crediamo che il modo in cui lavoriamo conti più di dove siamo", ha detto un portavoce all'agenzia di stampa Afp. "Vogliamo essere il luogo in cui le persone possono dare il meglio di sé garantendo un’esperienza senza soluzione di continuità per tutti i nostri dipendenti, ovunque si trovino". Pare un bel posto in cui lavorare.


Vai all'articolo precedenteIndietro
Il Milanese Imbruttito