Chiudi video
close adblock Il Milanese Imbruttito

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock Il Milanese Imbruttito

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

News
carlocracco

Se le due G (Green e Grano) sono il nuovo mantra dell'Imbruttito, una nuova combo sta per farsi largo in città: P&P, cioè Polenta e Panettone. Taaac! E chi l'ha detto che sono fuori stagione? Perché limitarci a consumare la polenta solo quando fuori ci sono meno 10 gradi e il Panetùn solo a Natale? Che spreco. E così, per promuovere queste due perle lombarde, la Regione ha deciso di chiamare a raccolta lo chef più Imbruttito della City, Mr. Carlo Cracco.

La news, infatti, è che panettone e polenta lombarda sono protagonisti del protocollo d'intesa siglato dall'Assessorato all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi della Regione Lombardia e l'Associazione Maestro Martino dello chef Carlo Cracco. Lo hanno firmato, vedere cover, lo chef Cracco e l'assessore regionale Fabio Rolfi. "Due prodotti simbolo della tradizione lombarda - ha dichiarato Rolfi - diventano centrali nella formazione dei nostri chef e nella comunicazione dell'eccellenza gastronomica che la nostra regione può vantare".

L'obiettivo, come anticipato, è quello di promuovere polenta e panettone, prodotti simbolo della tradizione gastronomica lombarda. Poi, tra le altre cose, questa alleanza nasce anche con l'intento di rilanciare la ristorazione lombarda e aiutarla a riprendersi dalla botta pesantissima subita con la pandemia. Non solo: si vuole anche formare una nuova generazione di cuochi e personale di sala più consapevole rispetto alla ricchezza enogastronomica della regione. Top.

"Polenta e panettone sembrerebbero due cose completamente opposte - ha detto Carlo Cracco - ma in realtà rappresentano un po' il nostro territorio, la tanto amata Lombardia. La nostra iniziativa da un lato valorizza un prodotto povero e semplice come la polenta, che può evolversi e diventare un grande piatto e, dall'altra parte, propone una ricetta importantissima, un lievitato, complicato, arricchito, che può diventare protagonista in cucina".

"Servono giovani volonterosi e appassionati - ha continuato lo chef - perché registriamo una preoccupante carenza di personale in cucina e in sala. Con la nostra scuola di cucina e il sostegno di Regione Lombardia vogliamo avvicinare ragazze e aspiranti chef per esaltare le loro vocazioni e scoprire nuovi talenti". E quindi, che si fa? La partnership porterà alla realizzazione di interventi di educazione alimentare e sensoriale rivolti alle scuole, soprattutto agli Istituti turistici e alberghieri. Studenti e docenti devono conoscere al meglio le produzioni locali di qualità e diffondere a loro volta un corretto approccio al cibo.

E allora ocio eh, perché già per il 2021 sono previsti workshop ed eventi dedicati a polenta e panettone, con focus tra ottobre e novembre. P&P power.


Vai all'articolo precedenteIndietro
Il Milanese Imbruttito