Chiudi video
close adblock Il Milanese Imbruttito

Disabilita l'adblock

Ué grandissimo! Ti piace leggere i nostri articoli?
Allora non fare il giargiana, disabilita l’adblock
(così fai girare l’economia, taaac)!

close adblock Il Milanese Imbruttito

Ti ho beccato Giargiana!

Disabilita l’adblock (così fai girare l’economia, taaac)!

Ok

News
maxresdefault

Avete presente quando cercate di riparare un danno ma fate il doppio del casino? Ecco, il cul de sac nel quale sembra essersi cacciato Amazon è un po' questo. Sappiamo tutti che da anni si parla delle rigide condizioni di lavoro alle quali sono costretti i dipendenti del colosso di Jeff Bezos. Addirittura alcuni lavoratori sono stati costretti a fare la pipì dentro a delle bottiglie per non perdere tempo nelle cosegne. Tutto vero. Sarà per questo che l'azienda statunitense ha deciso di correre ai ripari, cercando di ripulirsi un po' dall'immagine di despota senza pietà.

Per farlo, Amazon ha deciso di lanciare AmaZen, e già dal goffo gioco di parole si capisce subito che non va a finire bene. In pratica si tratta di una stanzetta mini, grande quanto un cesso chimico, messa a disposizione dei dipendenti per i loro momenti di sfogo. AmaZen fa parte di un'iniziativa interna chiamata WorkingWell (lavorare bene) incentrata sul fornire al personale americano "Attività fisiche e mentali, esercizi di benessere e supporto per un’alimentazione sana".

Le condizioni di lavoro fanno cagare? Bè dai, almeno facciamoli sfogare con un angusto sgabuzzino (chiamato Mindful Practice Room), piazzato in mezzo al magazzino, dove cacciare un urlo o sfanculare il capo nella massima discrezione. Oh, il colosso dell'e-commerce ha pure infiocchettato un video bello preciso per raccontare il funzionamento di AmaZen, quindi ci hanno creduto sul serio. In questa stanzetta c'è una piantina (wow) e un computer dove guardare "Brevi video con attività di benessere facili da seguire, tra cui meditazioni guidate, affermazioni positive, scene rilassanti con suoni", come ha spiegato l'ideatrice Leila Brown, che difficilmente otterrà una promozione.

L'ideona infatti non è piaciuta per niente al pubblico sovrano, e dopo centinaia di commenti di scherno Amazon è stata addirittura costretta a rimuovere il video promozionale, che a molti è parsa quasi più una pigliata per il culo. Comprensibile. Per dire, il sito Motherboard ha descritto la camera come "Una cabina grande quanto una bara nel mezzo di un magazzino Amazon". Ma anche cesso chimico rende l'idea.


Vai all'articolo precedenteIndietro
Il Milanese Imbruttito